Il Sorriso della Poesia

Il Sorriso della Poesia 2015 - I versi che adottano (SEZA - B) le poesie in gara

Scritto da Super User. Postato in Il Sorriso della Poesia 2015 - Sezione B

Il Sorriso della Poesia 2015 - I versi che adottano

(SEZA - B) le poesie in gara

 

‘A FARFALLA

(dialetto di Reggio Calabria)

Vola farfalla, vola e sfarfallìa,

vola chi vinni ‘u tempu mi ti sciali,

chi gioia, chi bellezza, ch’allegria,

vola nt’o cielu, vola iampra l’ali!!

Vermu, eri vermu picculu e pilusu,

virdi, senza putiri, ne’ rispettu,

malucavatu, strabicu e bausu,

ambeci ora tu si’ in doppiopettu;

ora tu si’ farfalla ‘i chiddhi rrari,

no’ sthrichi cchiu’ e non bavii ‘’a strata,

ti zzuchi tutt’i sciuri pari pari

e ssempri cchiu’ cuntenta, cchiu scialata!!

‘A farfalleddha è vermu p’un mumentu,

po’ vola e vola, non si ferma mai,

pi’ nui ambeci è propriu ‘nu turmentu…

…Vulamu pocu, non vulam’assai …

…Simu farfalli sulu in figghiolanza,

e chista est’a vera differenza:

‘U vermu si trasforma e poi… Si ‘llanza,

nu’ ambeci vermi puru nt’a …Cuscienza!!...

E cchiu’ ‘mbecchiamu e cchiu’ ndi ‘mbermicamu,

ndi sdillabramu, ndi facimu brutti,

vermazzi, carasentuli… E sthricamu,

sthricamu e baviamu tuttu e tutti!!

E puru ropu morti, ‘o cimiteru,

pi’ rrimoddhari l’urtimu r’i guai,

sthricamu, sthrascinandu nt’o …Sinteru,

lassand’a’ scìa, ammenz’e colombai …

 

LA FARFALLA

(dialetto di Reggio Calabria)

Vola farfalla, vola e sfarfalleggia,

vola che venne il tempo che ti scialì,

che gioia, che bellezza, che allegria,

vola nel cielo, vola, apri le ali!!

Verme, eri verme, piccolo e peloso

Verde, senza potere, ne rispetto,

malfatto, strabico e bavoso,

invece, ora, tu sei in doppiopetto;

ora tu sei farfalla di quelle rare,

non strisci più e non bavi, la strada,

ti succhi tutti i fiori parti pari

e sempre più contenta, più scialata!

La farfalla è verme per un momento,

poi vola e vola, non si ferma mai,

per noi, invece, è proprio un tormento…

…voliamo poco, non voliamo assai…

…siamo farfalle solo in gioventù,

e questa è la vera differenza:

il verme si trasforma e poi… si lancia,

noi invece, vermi, pure nella coscienza.!

E più invecchiamo e più ci invermiciamo,

e ci slarghiamo, diventiamo brutti

vermacci, carasentuli… E strisciamo,

strisciamo e baviamo, tutto e tutti!!

E pure dopo morti, al cimitero,

per l’ammorbidire l’ultimo dei guai,

strisciamo, strascinando nel sentierto

lasciando la scia in mezzo ai colombai…

 

 

 arzlg37r

 

QUANNO NAPULE SE SCETA

 

Schiara juorno,

spont'o sole,

dint'a ll'aria

n'addora 'e cafè,

dòce dòce

Napule se sceta.                                         

 

'Nzieme a 'sta Città

se sceta 'a vita,

ll'ammore,

nasce 'na puesia,

'na canzona,

e pe' mmagia...                        

 

Napule

se veste 'e fantasia.

QUANDO NAPOLI SI SVEGLIA.

 

Albeggia,

spunta il sole,

dentro a l'aria

un odore di caffè,

dolce dolce

Napoli si sveglia.

 

Insieme a questa città

si sveglia la vita,

l'amore,

nasce una poesia,

una canzone,

e per magia...

Napoli

si veste di fantasia.

 

 

 

arzlg37r 

 

 

 

'O CLOWN 'E DDIO

 

Me pitt''a faccia

cu creme 'e mille culure,

p'annasconnere 'a sufferenza.

Me vesto

cu' vestite larghe e curiose,

cu 'e culure

arrubbate d'o cielo e d''o mare.

Pe' nnaso

tengo na pummarola rossa

'e San  Marzano,

m''o faccio tuccà

sùlo a chi è malato.

Me culoro 'e capille

comm''a l'arcobaleno

e alleramente faccio 'o clown.

Porto sempe

nu surriso hè criature malate

'e viecchiarielle abbandunate,

quànno 'e veco e ridere

'o core mio...

se regne d'alleria.

Songo 'o clown 'e Ddio

porto 'o surrìso...

a cchi è malato 'e malincunia.

IL CLOWN DI DIO

 

Mi coloro la faccia

con creme di mille colori,

per nascondere la sofferenza.

mi vesto

con vestiti larghi e curiosi

con i colori

rubati dal cielo e dal mare.

Per naso

ho un pomodoro rosso

di San Marzano,

me lo faccio toccare

solo a chi è malato.

Mi coloro i capelli

come l'arcobaleno

e allegramente faccio il clown.

Porto sempre

un sorriso hai bambini malati

i vicchietti abbandonati,

quando li vedo sorridere

il mio cuore...

si riempie di allegria.

Sono il clown di Dio

porto il sorriso...

a chi è malato di malinconia.

 

 

arzlg37r

 

 

TERRA D''E FUOCHI

 

'A terra mia...

era 'a terra 'e Ddio!

Era nu pizzeco 'e paraviso,

ma tù, camorra 'nfama

pe' ddenaro e pe' gnurantità

l'hè violentata, 'nquinata.

Ll'aria è addiventàta

pesante, avvelenata

'a riciata cu ppaura...

pecchè 'e campà,

ma... doce doce

te mann'a ll'atu munno.

L'acqua 'e puzzo

e chell''e funtanella,

nun ssò cchiù cristalline

tenene 'o sapore 'e varrecchina,

si t''a bbive ogne matina

muore cu na brutta malatia.

'A terra mia...

brucia lentamente,

produce frutte amare,

parturisce

diossine e malatie,

morene criature ogne matina.

'A terra mia...mò fà paura

'a chiammano: "'A TERRA D''E FUOCHI",

fuochi alimentati da 'stu sistema

corrotto e fallimentare,

sò fuochi ca nu scarfano,

sò fuochi 'e morte,

sò fuochi 'e camorra!

 

TERRA DEI FUOCHI

 

La terra mia...

era la terra di Dio!

era un pizzico di paradiso,

ma tu, camorra infame

per denaro e per ignorantità

l'hai violentata, inquinata.

l'aria è diventata

pesante, avvelenata

la respiri con paura...

perchè devi vivere,

ma...dolce dolce

ti manda all'altro mondo.

L'acqua di pozzo

e quella di fontanella,

non sono più cristalline

hanno il sapore di candeggina,

se te la bevi ogni mattina

muori con una brutta malattia.

La terra mia...

brucia lentamente,

produce frutti amari,

partorisce

diossine e malattie,

muoiono bambini ogni mattina.

La mia terra...adesso fa paura

la chiamano: "LA TERRA DEI FUOCHI",

fuochi alimentati da questo sistema

corrotto e fallimentare,

sono fuochi che non riscaldano,

sono fuochi di morte,

sono fuochi di camorra!

 

 

arzlg37r

 

LL'ODIO!

Ll'odio dint'a vita,

nun c'avessa maje esistere!

E si va alimentato...
vene subbete scagliato!

Nun è giusto odia' 'o munno!
Pace, ammore e fantasia...
anna' essere gli ingredienti

'E chesta benedetta vita!
Nun po' essere ca se po muri

'E dulore p'e chesta parola...
Pecchè è sulo n’orrore!

 

arzlg37r 

 

‘O VIECCHIO

Chest’è ‘a triste realtà:

‘’Pe’ figlie viecchio sì tu,

viecchio e ‘nzallanuto

e nisciuno te vo cchiù!”

Ogne ghiuorno ‘n famiglia

Stanno a sempe s’appiccecà

È nu brutto lassa e piglia

Sti figlie nisciuno ‘e po’ fermà:

Bele’ oggie è ‘o turno tuojo,

mmo spetta a te a llo tenè. –

“- Che? Nun’è ‘o ghiuorno mio

Ma tu sì na pazza! Macchè ! –

E isso zitto e muto

Sente… e nun po’ parlà.

Tant’anne fa, ‘o viecchio

Chi maje ‘o puteva fermà?

Nun ce steva juorno

Ca faceva festa a faticà,

pecchè isso a seje figlie

ll’aveva da’ a campà.

“Abbada a lloro, Cenzì”

Lle dicette cu nu filo ‘e voce

‘a mugliera primma ‘e murì.

E isso s’abbracciaje ‘a croce!

L’ha crisciute cu sacrificie:

‘o cchiu fesso è laureato

Mo, stà fore ‘o balcone…

‘o viecchio stà affacciato…

Sta facenno ‘o paro e sparo…

Stà penzanno ‘e lla fernì.

‘A dint’’o scuro accumpare

‘o nepote cchiu piccirillo: Mimì…

‘Stu criaturo ‘e quatt’anne

Dice: ‘O no’ abbracciame forte!

‘O nonno ‘o guarda chiagnenno…

E lasssa ‘o penziero d’’a morte!

IL VECCHIO

Questa è la triste realtà

“Per i figli vecchio sei tu,

vecchio e rimbambito

e nessuno ti vuole più!”

Ogni giorno in famiglia

Stanno sempre a litigare,

è un brutto lascia e piglia…

questi figli nessuno li può fermare

bella, oggi è il turno tuo

adesso spetta a te tenerlo.

Che? Non è il mio giorno

Tu sei una pazza macché!

E lui sta zitto e muto

Sente e non può parlare!

Tanti anni fa il vecchio

Chi mai lo poteva fermare?

Non c’era giorno

Che mancava al lavoro

Perché lui a sei figli

Doveva dar a campare

“Bada a loro, Vincenzo

Gli disse con un filo di voce

La moglie prima di morire,

e lui si abbracciò la croce!

Li ha cresciuti con sacrifici:

il più “fesso” è un laureato.

Adesso sta fuori al balcone,

il vecchio sta affacciato…

lui sta tentennando

sta pensando di finirla.

Dall’oscurità esce

Il nipote più piccolo: Mimì

Questo bimbo di quattro anni

Dice: Nonno abbracciami forte,

e il nonno lo guarda piangendo…

e lascia il pensiero della morte!

arzlg37r

 

‘A CIENTO LIRE

 

‘Ajeri, ‘a primma matina,

m’ ‘e venuto ‘o schiribizzo ‘e mettere

nu poco ‘e arrecietto inta ‘a cantina.

Che ammuina! Pazzielle, segge,

botteglie, ramigiane, riggiole,

quaderni ‘e scola, scarpetelle!

Strutta, me so assettata nu pucurillo,

e, pigliata da nustalgia,

aggio araputo nu tiretto,

‘e nu viecchio mobbile. Quanta robba!

All’intrasatto, na luce,

’nfunno ‘a nu scatulillo,

m’a meravigliata assaie!

Gesù! Ma chesta è na ciento lire!

L’aggio pigliata cu grazia,

rispetto e devozione!

Cu ste cciento lire, quante ccose

te putive accattà,

e si ‘a rialavi ‘a nu poveriello,

chillo te ringraziava

e te vasava  pure ‘e mmane.

Mo’, sentite, sentite, sta ciento lire

vale sulamente…. cinco centesimi:

chella munetina color cakì,

chillo sordariello ”senza potere d’acquisto”

comme direbbe nu saputiello,

che capisce, nu poco, di economia.

Chiano, chiano, aggio rimiso

‘a ciento lire into’ ‘o commò,

e l’aggio salutata cu sufferenza,

comme aggio fatto, tanto tiempo fa…

cu certi suonni ‘e gioventù!

LA CENTO LIRE

Ieri, di prima mattina,

mi è venuta la voglia di mettere

un poco di ordine in cantina.

Che baraonda! Giocattoli, sedie

bottiglie, damigiane, mattonelle,

quaderni di scuola, scarpette.

Stanca, mi sono seduta un poco,

e, presa dalla nostalgia,

ho aperto un cassetto

di un vecchio mobile. Quanta roba!

All’improvviso, una luce,

dal fondo di una scatolina,

ha attirato la mia attenzione.

Gesù! Ma questa è una cento lire!

L’ho presa con grazia,

rispetto e devozione!

Con cento lire, quante cose

ti potevi comprare,

e se la regalavi ad un poverello,

quello mi ringraziava

e ti baciava pure la mano.

Ora, sentite, sentite, questa cento lire

vale solamente..cinque centesimi:

quella monetina color cakì,

quel soldino “ senza potere d’acquisto”

come direbbe una persona

esperta di economia.

Piano, piano, ho rimesso

la cento lire nel mobile,

e l’ho salutata con sofferenza,

…come ho fatto, tanto tempo fa,

con certi sogni di gioventù!

 

 

 

arzlg37r 

 

’A MARENNELLA

Me pare ajero, quanno piccerillo,
mamma m’appriparava pe gghì a’ scola;
cu ’e cazuncielle curte e ’e zucculille,
pecchè d’ ’e scarpe manco a ne parlà,

m’appriparava chella marennella

ca tutt’ ’e vvote era ’e ’na manera.                                                                                                                                       

Nu juorno ce metteva ’a frittatella e

 n’auto juorno pane cu ’o rraù,

’Na vota ce metteva ’a pummarola,

e ’o sugo . . . ma comm’era sapurito,

e n’auta vota ’aulive cu ’a scarola

oppure ’o furmaggino ’o viernarì.

Po’ quanno ’o companatico mancava,

 mamma tagliava doie fettine ’e pane,

’ngoppo, nu  filo d’uoglio ce schiriava

e ’a marennella asceva là pe llà.

Quanno putevo, cu cinquanta lire,

 dint’a’ ’na putechella, ’a strata mia,

 cumpravo ’a murtadella, trenta lire,

 e vinte lire ’e pane . . . pe cagnà.

V’arricurdate ’o ppane cu ’a cepolla,                                                                                                                    

comm’era sapurito . . . e che fetore!

 si me ricordo, tengo ancora a ’mbolla

 cu una ’e chella, forte comme a cché.

E quanta vote, chella mamma mia,

 quanno nun ce steva manc’a uno*,                                                                                                                                  

cusenno e arrepezzano  miezo ’a via                                                                                                                          

stentava ’a vita pe me fa studià.

Chi s’ ’e rricorda cchiù ‘sti tiempi scure?

 Bastava poco pe farce felice:

 nu capuzziello ’e pane cu ’e fasule

e chella era pe nuje felicità.

 

arzlg37r

Schito* – 1960 (La terra dei sapori)

’Na stesa ’e capuzzelle

ca nun fernesce maije,

nu mare verde e denso

ca te cummoglie l’uocchie:

songo ’e carciofi ’e Schito,

’a terra dei sapori,

’e tutte ’sti campagne

cchiù fertile nun c’è . . .

 

’Sta terra ’e pastafrolla

pare ’na sfugliatella,

qualunque cosa piante

scoppia e ne fa delizie,

leccornie p’ ’o palato;

’stu sito ricercato

crea ’e sapure antiche,

d’aute generazioni :

’O frutto prelibato,

forse ’o cchiù ricercato

è il Principe di Schito,

carciofo ”violetto”,

’o frutto cchiù squisito

’e tutta ’sta regione,

nisciuno pe ’stu munno

maje ’o può eguaglià.

Truove ’e fasule nire,

nu zucchero, cunciate,

’o peselluccio tiennero,

’a scarulella riccia

o ’a lattuchina tennera,

donna scarola schiana,

cchiù ghianca ’e nu lenzulo

e la cicoria nera

e il cavolfior marzatico;

carote e puparuole

’o cirasiello russo

’na stesa ’e pummarole

’na ’nzerta d’aglie ’e Napule

e ’o piennolo a Natale .

Chisto signori è Schito

la terra dei sapori

ca sulo cca tu truove

pe te fa cunzulà.

 

 arzlg37r

 

NUN TENTATE ANCORA ‘O CORE

(TESTO IN VERNACOLO NAOLETANO)

Nun tenite ancòra tese ‘sti ccorde…

nun dicìte sempe parole doce,

facite addeventa’ ‘sti rrecchie sorde,

nun me facìte canta’ senza voce.

‘Stu core, ‘o ssapite, fricceca ancora

si sente ‘e se sceta’ ‘a primmavera,

si vede ‘e braccia ‘e na figliola ‘a fòra

e si accapezza ‘a luna chiena ‘e sera.

E finchè sbatte mpietto nun s’arrenne,

s’appiccia si vede na bbella guagliona

e, si pure sape ca lassa ‘e ppenne,

se fa nzisto e all’ammore s’abbandona.

Sùbbeto vo’ chitarre e mmanduline

e accummencia a ccanta’ na canzuncella

pe ‘mpruvvisa’  nu bbello cuncertino

sperann’ ‘e tucca’ ‘o core ‘e chesta bbella.

Certo ‘un ce po’ sta’ ll’ardore ‘e na vòta,

e ‘a musica nun è pproprio struggente,

ma ‘a canzuncella se fa’ galiòta

e nun ‘a canta sulo mmiez’ ‘e ddiènte.

Se votta ‘e capa dint’ a ll’avventura,

scurdannese ca nun tène vint’anne

e ‘un ze ne ‘mporta si fa brutta fiùra.

Ma doppo lle vene nu poco ‘e affanno.

Pirciò  nun tentate ancora ‘stu core.

Lassateme scrivere na puisia

penzanno sulo a cchillu viecchio ammore

c’ancora mmo è tutta ‘a vita mia.

 

 NON TENTATE ANCORA IL CUORE

 (VERSIONE IN LINGUA ITALIANA)

Non tenete ancora tese queste corde…

non dite sempre parole dolci,

fate diventare queste orecchie sorde,

non mi fate cantare senza voce.

Questo cuore, lo sapete, palpita ancora

se sente il risveglio della primavera,

se vede una ragazza con le braccia scoperte

e se si accorge della luna piena di sera.

E finchè batte nel petto non si arrende,

si accende se vede una bella ragazza

e, se pure sa di lasciarci le penne,

si fa tenace e all’amore si abbandona.

Subito vuole chitarre e mandolini

e comincia a cantare una canzoncina

per improvvisare un bel concertino

sperando toccare il cuore di questa bella.

Certo non potrà esserci l’ardore di una volta,

e la musica non è proprio struggente,

ma la canzoncina diventa galeotta

e non la canta solo fra i denti.

Si butta a capofitto nell’avventura

dimenticando di non avere vent’anni

e non gli importa se fa brutta figura.

Ma poi gli viene un po’ d’affanno.

Perciò non tentate ancora questo cuore.

Lasciatemi scrivere una poesia

pensando solo a quel vecchio amore

che ancora ora è tutta la mia vita.

 

 

arzlg37r

 

AMICI 'E CORE

(TESTO IN VERNACOLO NAPOLETANO)

Saccio ca simmo amici sulamente...

ma nun pozzo evita' chello ca io sento.

Si te guardo s'appiccia 'o core mio...

saglie 'a frèva e me piglia 'a malatìa.

Tu però faje sempre finta 'e nun capì'

e ‘nviente scuse pe nun me fa suffrì'.

'O stesso ammore tu nun pruove pe mme

e te dispiace si 'sfrenneseo pe tte.

Me dice sempe ca vuo’ bbene a n’ato

pure si isso oramaje  t’ ha lassato.

Nun puo’ ffa a mmeno ‘e penza’ a cchillo

ca te pogne ‘o core comme nu spillo.

Io nun te vulesse vede’ ‘e suffri’

e desse ‘a vita mia pe t’alleggeri’.

Po’ capisco ca nun pozzo fa niente

e te rispetto pe cchello ca siente.

Io e te tenimmo pene d'ammore

e ognuno spanteca dint’ ‘o dulore.

‘E essere amici simmo cuntente

e ce sentimmo allere mmiez’ â ggente.

Si ogni tanto t'acchiappo na mano

e te l'astregno doce chianu chiano

'e 'stu core mio siente 'a passione

e me dice ca me capisce bbuono.

E si po’ me murmurìe ca me vuo’ bbene

subbeto me cunzòlo 'e tutte 'e ppene.

Simmo cuntente 'e essere amici

e abbasta chesto pe ce fa’ felici.

 AMICI DI CUORE

 (TESTO IN ITALIANO)

So che siamo soltanto amici

ma non posso evitare ciò che provo.

Se ti guardo il mio cuore si accende…

sale la febbre e mi prende la malìa.

Tu però fai sempre finta di non capire

e inventi scuse per non farmi soffrire.

Non provi lo stesso amore per me

e ti dispiace se impazzisco per te.

Mi dici sempre che vuoi bene ad un altro

pure se lui oramai ti ha lasciato.

Non puoi fare a meno di pensare a quello

che ti punge come uno spillo.

Io non vorrei vederti soffrire

e darei la vita per alleviarti.

Poi capisco che non posso far niente

e ti rispetto per quello che senti.

Io e te abbiamo pene d’amore

e ognuno macera nel dolore.

Di essere amici siamo contenti

e ci sentiamo allegri in mezzo alla gente.

Se ogni tanto ti prendo una mano

e te la stringo dolce pian piano

di questo cuore senti la passione

e mi dici che mi comprendi bene.

Se poi mi sussurri che mi vuoi bene

Subito mi consolo di tutte le pene.

Siamo contenti di essere amici

E basta questo per renderci felici.

 

 

arzlg37r

MAMMÀ È ' 'NA ROSA

Saccio 'na rosa ca nun tene spine.
Rossa d'ammore tutta vellutata.
Dint' 'a nu posto scuro e senza fine.
Ringrazio 'a mana 'e Dio ca l'ha criata.


Sta vecchia rosa quase s'è chiata
ma spanne ancora addore int' 'o ciardino
e si a vedite mo s' 'è spampanata
ma mett' 'a gioia a chi le sta vicino.

Ma si cadesse pe 'na ventecata
dint' a 'nu juorno scuro e senza sole.
tutt' 'e spine ca Dio nun l'ha criata
pugnessene ogni notte chistu core.

MIA MADRE È UNA ROSA

Conosco una Rosa senza spine
rossa d’amore tutta vellutata
in un angolo scuro e senza fine
ringrazio la mano di Dio che l’ha creata.

Questa vecchia Rosa quasi s’è piegata
ma spande sempre amore nel giardino
e se voi la vedete adesso s’è piegata
M spande amore a chi le sta vicino.

Ma se cadesse per un malefico vento
in un giorno di nuvolaglie nere
Tutte le spine che Dio non le ha creato
Pungerebbero tutte le notti questo cuore

 

 arzlg37r

PORTA CAPUANA MIA

Mia cara gente, ve ne site accorte,
ca ‘nzieme a tanta storia e vvotta votta
'e tanta tipe, e tanta faccce brutte
Porta Capuana nunn''esiste cchiù?

No propriamente 'a piazza : chella no,
'e ttorre songhe forte chesto 'o ssaccio,
ma sta spenzieratezza che ne so...
Mo quann''a veco me cadeno 'e bbraccia 

Ddò stanno 'e pisciavinole 'a filera
e na vucchella dinte 'a cascettella
Musica giappunese nzin''a sera
cu Sfilatino 'o Russo e Totorelli?

Porta Capuana ch'era'a piazza bella
co 'e purpe e calamare ncopp''e scanne
mentre vedive 'a frotte 'e Papuncielle;
'a gente mo 'e st'ammore che ne sanno?

Porta capuana si stata 'a vita mia
te ne si gghiuta comm''e ccose belle
e m'hè rimasta chella nustalgia
quanno se ne vulaje 'na Palummella.

PORTA CAPUANA MIA

 

Mia cara gente, vene siete accorti

Che insieme a tanta gente e spintonate

di tanti tipi e tante facce brutte

Porta Capuana non esiste più?

Non propriamente la piazza, quella no

Le torri sono forti , questo lo ammetto,

ma la spensieratezza,che ne so.

Quando  la vedo mi cadono le braccia.

Dove sono i pescivendoli tutti in fila

Un bocca umana in una piccola cassetta

Musica giapponese fino a sera

Con Sfilatino Il Rosso e Totorelli?

Porta Capuana che era la piazza bella

con i polpi e i calamari sugli scanni

mentre vedevi a frotte i trenini pieni.

La gente ora di quest’amore che ne sanno?

Porta Capuana sei stata la vita mia.

te ne sei andata come tutte le cose belle

e m’’hai lasciato questa nostalgia

di quando se ne volò quella favola

 

 

 arzlg37r

 

VULESSE…

 

Vulesse tenè nu pennielle

pè pittà ‘sto munne ro cape.

Si putesse, pittasse nu sorrise

‘nfaccie a tutte chelli criature

ca se morene ‘e famme

e nun sanno ‘o pecchè.

Vulesse portà colure ‘e primmavera

dint’o ‘o core ‘e chi accire,

senza pietà,

addò sulo ‘o niro d’a morte ce stà.

Vulesse disegnà ‘nu sole

‘ncape a chi ‘nu titte  nun tene,

pe’ se scarfà quanno rorme

sott’e cartune e ‘o ciele stellate.

Vulesse pittà n’arcobbaleno

dint’o core ‘e chell’anem’e Ddie,

violentate fino a dinte all’anema

o chill’angeli c’a mamma nun tenene.

Se putesse… se putesse

pittore addeventasse

co’ e colure ra vita pittasse

e sule maggie facesse.

 

VORREI…

Vorrei avere un pennello

per dipingere il mondo daccapo.

Se potessi, dipingerei un sorriso

sul viso di tutte quelle creature

che muoiono di fame

e non sanno il perché.

Vorrei portare i colori di primavera

dentro il cuore di che ammazza,

senza pietà,

dove solo il nero della morte c’è.

Vorrei disegnare un sole

sopra la testa di chi un tetto non ce l’ha,

per riscaldarsi quando dorme

sotto i cartoni e un cielo stellato.

Vorrei dipingere un arcobaleno

dentro il cuore di quelle anime di Dio

violentate fin dentro l’anima

o a quegli angeli che mamme non hanno.

Se potessi… se potessi

pittore diverrei

con i colori della vita dipingerei

e solo magie farei.

 

 


arzlg37r 

 

 

CA' NISCIUNU E' FESSU

(u capurepartu ricette parlanne all'operai)
a vote facciù finta e nun capì
e u nun sapè
ve facciu verè

ma u facciù pè u quietu vive
ma a rint'a saccu ve levu e pive
e se mettunu a pensà
che me stannu a fregà
no, nun me stiti a fregà

ma na cucente delusione ma stite a rà
comme crerevu eravate nun site
vui nun suffrite
e mentre a jurnata sta a passà

ve l'accia ricere nisciunu e fessu cà
percio mò che ci stiti a tentà
roppu nun ve lamentate

si i ve stoncu già a fregà!

 

 

QUA' NESSUNO E' FESSO

(disse il caporeparto parlando agli operai)
a volte faccio finta di non capire
e di non sapere
vi faccio vedere

ma lo faccio per il quieto vivere
ma dalla tasca vi tolgo le intenzioni
e si mettono a pensare
che mi stanno a fregare
no, non mi state fregando

ma una cocente delusione mi state dando
come credevo eravate non siete
voi non soffrite
e mentre la giornata sta passando

ve lo devo dire che nessuno è fesso qua
perciò ora che ci state tentando
dopo non vi lamentate se io vi sto già fregando!

 

 arzlg37r

 

 

 

MAMME E FFIGLIE

’O figlio accide ’a mamma

a ’a mamma ’o ffa cu ’e figlie;

’stu fatto a mme me porta

’o chianto ’ncopp’ ’e cciglie.

’A mamma te dà ’a vita,

pe’ te cumbatte ’a sciorte;

comm’è ca po’. antrasatte,

po’ avé’ o po’ darte ’a morte?

 

’O munno s’è cagnato,

ormaje s’è fatto stuorto;

manco ’a cchiù bestia ’nfame

te faciarrìa ’stu tuorto.

Chisà dint’ ’a cervella

che passa a ’nu mumento:

basta ’nu sciuscio ’e viento

e perde ’o sentimento.

Sarrà p’ ’a rraggia forte,

sarrà p’ ’a depressione,

je cerco inutilmente

’e farme ’na raggione.

Po’ dico cu paura,

penzanno a ’stu pecché:

“Guagliò, nun te fa’ masto,

po’ tuccà pur’a tte”.

 

 

 

MAMME E FIGLI

 

Il figlio ammazza la mamma

e la madre ammazza i figli;

codesto fatto mi porta

il pianto sulle ciglia.

La mamma ti dà la vita,

per te combatte la sorte;

com’è che all’improvviso,

può avere o darti la morte?

Il mondo s’è cambiato,

ormai s’è fatto storto;

nemmeno la bestia peggiore

ti farebbe un tale torto.

Chissà nella sua mente

che passa in quel momento:

basta un soffio di vento

e perde il sentimento.

Sarà per la rabbia forte,

sarà per la depressione,

io cerco inutilmente

di farmene una ragione.

Poi dico con paura,

pensando al suo perché:

“Ragazzo, non farti maestro,

può toccare pure a te”.

 

 arzlg37r 

 

 

VALLESINA

A memoria d'omo                          
pe' sta valle
n'è mai scorso l'oro,
ma è 'n giojello pe' se stessa
ricca de nadura e de colori;

dall'ocra al verde de li campi,
al blu cobalto
de'n mare ch'è 'n'incanto,
passanno poi all'azzuro cielo
che rsalta tra le foglie
de 'n'ombroso moro.

Passado e futuro
se rchiude n'tra le braccia
de 'n caro monte
a conservà 'l paesaggio 'ntatto
pe' li figli de li figli;

mentre lento scorre
il fiume Esino
a dissetà l'arsura
de valori ancora vii
como l'antiche tradizioni.

Tutto bello 'l monno
ma è 'n do'' se nasce
che 'l core batte
fino in fonno.

 

 

VALLESINA

A memoria d’uomo

per questa valle

non è mai scorso l’oro,

ma è un gioiello di per se stessa

ricca di natura e di colori,

dall’ocra al verde dei campi,

al blu cobalto

d un mare che è un incanto,

passando poi all’azzurro cielo

che risalta tra le foglie

di un ombroso moro.

Passato e futuro

si racchiudono tra le braccia

di un caro monte

a conservare il paesaggio intatto

per i figli dei figli,

mentre lento scorre

il fiume Esino

a dissetare l’arsura

di valori ancora vivi

come le antiche tradizioni.

Tutto il mondo è bello

ma è dove si nasce

che il cuore batte

fino in fondo.

 

 

arzlg37r

 

‘O LAVAGGIO (‘A FLEBO)

 

Sto’ dint’o lietto facenno ‘nu lavaggio

‘sta soluzione passa pe dint’’o laccio,

scenne chianu chiano, a goccia a goccia…

t’arriva ‘nfiì dint’’a vena d’’o bbraccio.

Guardo ‘ncantato ‘sta goccia ca scenne

E chianu chiano me sto addurmenno,

e ‘o penziero cammina, và luntano:

cammenavo cu te mano e mmano,

po’ tu sfugliaste pe’ mme ‘na margherita,

e ll’urdemo petalo: sì è tuo marito!

Me diciste: “Aggia sta’ cu tte tutt’’a vita

Aggia essere cchiù azzeccosa ‘ na calamita!

Ogne anniversario te purtavo ‘e rrose,

tu m’abbracciave e me dive tanta vase,

e mme dicive: - L’lammore mio sì tu,

senza ‘e te nu minuto nun resisto cchiù!-

Ma po, ‘int’’o cchiù bello me sento ‘e scetà…

E tu sì accumparuta lla pe’ llà…

Dice: “Nun ‘o vvi’ ‘o lavaggio è fennuto?

S’’è ‘nturzato ‘o bbraccio! ‘Nzallanuto!

Muto te guardo, senza fa lamiente,

riso, riso e nun dico proprio niente…

ma penzo: ‘o lavaggio è nu turmiento?

Ammore mio ne voglio fa cchiù ‘e ciento!

 

 

 

 arzlg37r

 

 

EUROPEIZZIAMOCI

Fuje aiere a matina  mme pigliaje

ll’autobuss  pe  ghì ‘o Comune,

Mamma mia! E che diece ‘e guaje

ne fosse stato buono  quaccheduno.

‘A verità, vicino ‘o stazionamento

ce ne stevano quatte, erano  nuove,

-Signò  aggia  saglì!- E nu mumento

vedite stammo facenno ‘e pprove.-

‘E pporte s’arapevano e se ‘nzerravano,

‘a pedana asceva e po’ se ne traseva…

‘A gente mme diceva:- Vulite na mano?-

Mentre na vecchia  guardava e redeva…

Me dicette: -Sapite ,‘e tiempe mieje

addò stavano tutte stì ccommodità?-

E n’atu signore  allero :- Oramaje

siamo in Europa evviva  ‘a società-

Ll’autista dicette: -Siamo Europeizzati…

oggi ll’ Europa è nostra è abbordabile,

 vedete i mezzi cu ll’aria condizionata,

‘a televisione … ‘o posto pe’ disabile…

Po s’avota ‘e botto vicino a mme

e mme  dice:- ‘A pedana nun funziona,

ne a chisto autobus e ne a chill’ati ttre!-

-Uffà  e chest’è  sempe ‘a stessa canzona-…

aggi’ aspettà chill’ato mezzo appriesso

sott’o sole ll’ore sane … c’aggia fa?

Io.disabile, aspetto comme’è nu fesso!!

Evviva ll’Europa, evviva  ‘a Società!!

EUROPEIZZIAMOCI  (traduzione)

Fu ieri mattina, mi pigliai

l’autobus per andare al Comune,

mamma mia che caspita di guaio

ne fosse stato buono qualcuno.

La verità vicino allo stazionamento

ci stavano quattro, erano nuovi.

-: Signore devo salire! -:Un momento...

guardate stiamo facendo le prove!:-

Le porte si aprivano e c si chidevano,

la pedana uscive e poi se ne entrava.

La gente mi diceva -: Volete una aiuto?:-

mentre una vecchina guardava e rideva...

mi disse-:Sapete,ai tempi miei

dove stavano tutte queste comodità?:-

E un signore allegro disse -: Oramai

siamo in Europa, evviva la società!:-

L’autista diceva-:Siamo “Europeizzati”...

oggi l’Europa è nostra è abordabile,

vedete i mezzi con l’aria condizionata,

la televisione.... il posto per i disabili...

Poi si volta di scatto verso me

e mi dice-: La pedana non funziona,

ne a questo autobus, ne agli altri tre!-

-: Uffà! È sempre la stessa storia,

devo aspettare un altro mezzo che viene,

sotto al sole e senza un riparo che posso fare??

Io disabile che aspetto come un fesso!

Evviva l’Europa, evviva la società!!:-