Il Sorriso della Poesia

Il Sorriso della Poesia 2015 - I versi che adottano (SEZA - C) le poesie in gara

Scritto da Super User. Postato in Il Sorriso della Poesia 2015 - Sezione C

Il Sorriso della Poesia 2015 - I versi che adottano

(SEZA - C) le poesie in gara

 

 

L’AMICIZIA

L’amicizia è un sentimento profondo.

Si condividono rancori, dolori e gioie immense.

L’amicizia cresce come una pianta  rara

E dobbiamo annaffiarla giorno per giorno.

L’amicizia è uno dei sentimenti

Che dà ricchezza.

L’amicizia nei momenti

tristi ti da la forza

di andare avanti.

Questo sentimento vale

più di ogni tesoro.

Quando l’amicizia ti attraversa il cuore

Sei sicuro di provare un grande amore.

Sei felice sei gioioso  e mai noioso.

Ma se perdi l’amicizia perdi una parte del tuo cuore.

 

arzlg37r


L’ AMICIZIA

L’ amicizia è un tesoro

prezioso come l’ oro.

L’amicizia non vuol

dire avarizia.

L’amicizia, quella vera

e come un sole caldo in primavera .

L’amicizia è bella

Come una stella.

L’amicizia richiede simpatia

E anche un pizzico di allegria.

L’amicizia è pura fantasia

che scaccia via

ogni malinconia.

L’amicizia è armonia

e tal volta nostalgia.

L’amicizia è come

Una melodia

che non conosce malinconia.

 

arzlg37r


L’AMICO

Un amico è una persona con cui trascorri

le  vacanze al mare,

è una persona  con cui giochi

e non ti senti più solo.

È una persona con cui fai

delle nuove conoscenze,

e una persona che ti fa

sentire molto speciale.

Un amico per noi è la

“cosa” più importante che esista.

Un amico è la persona che ci

aiuta nei  momenti più difficili.

L’amico è una persona che ci

protegge sempre.

L’amico è una persona

Che ci rende sempre felice.

E quando sei con

lui sembra che le cose

brutte non esistono più.

 

arzlg37r


L’AMORE

L’ amore è bello come il sole

che si immerge  oltre il mare.

L’ amore si trova in ogni cuore,

non si può toccare , né  vedere

ma si può sentire.

L’ amore non si può comprare,

ma si deve guadagnare,

L’  amore si rispetta .

L’ amore si protegge.

 

arzlg37r


L’ AMORE

È trasparente come l’ aria

e a volte può far male

si trova in ogni cuore

e si può provare per ognuno.

Mamma e papà

per eterno rimarrà,

per un amico, se non è sincero

una delusione arriverà.

Non ha forma, non ha odore

ma si trova nel fondo del cuore,

molti ragionano col cervello

ma l’ amore è molto più bello.

Non si gioca con l’ amore

può provocare molto dolore.

Quando arriva non fatelo scappare,

caro amico prova ad amare.

Se nel mondo ci fosse più amore

Nessuno proverebbe più dolore.

 

arzlg37r


LA FELICITÀ

Con la mano ti ho accarezzata

Con gli occhi ti ho guardata

Con il cuore ti ho parlato

E tu, col sorriso la felicità

Nel mio cuore hai donato…

Felicità che mai nessuno

Strapperà perché solo tu,

il tuo sorriso, mi donerà, mamma!

 

arzlg37r


FELICITÀ

La felicità è un’emozione

Che nasce in un momento particolare,

come quando faccio un goal spettacolare,

dopo tutta quella tensione

il pubblico fa una grande esaltazione,

i compagni mi saltano addosso

e il cuore mi batte a più non posso.

La felicità è un’emozione

Che sento dentro, lo sai,

soprattutto quando gioco a calcio,

e vorrei non finisse mai!

 

arzlg37r


PRIMAVERA

Un profumo soave,

di fiori sbocciati,

canto leggero,

d’ uccelli rinati,

oggi è primavera

tutto ha un profumo,

tutto rinasce.

La gente raccoglie

fiori profumati,

mentre pittori

usano colori sfumati.

Io mi rallegro

In mezzo ai fiori

Mentre guardo immensi  colori.

 

arzlg37r


QUEL RAGAZZO È PROPRIO MATTO.

C’era un ragazzo tutto pazzo

Che tutti i giorni volava dal palazzo;

lo faceva per rincorrere il gatto

che doveva mangiare nel piatto.

Quel ragazzo è proprio matto.

 

arzlg37r


LA BAMBINA DI COSTIGLIONE

C’era una bambina di Castiglione

Che amava tuffarsi dallo scoglione.

Sullo scoglione c’era un gamberone

Che prendeva il sole sotto l’ombrellone.

Quell’abbronzata bambina di Castiglione.

 

arzlg37r


IL GATTO TONTOLONE

C’era un gattone sul lettone

Che la notte faceva il tontolone

Mentre la mattina faceva il cotone

Quel piccolo gattone tontolone.

 

arzlg37r


LA BAMBINA

 

C’era una bambina di Gragnano

Che amava cantare con il microfono in mano,

Quella matta matta bambina di Gragnano.

 

arzlg37r


LA BAMBINA

 

C’era una bambina di Aurano

che voleva arrampicarsi

su una porta comprata a Milano,

ma vide un serpente e si spaventò

e giù per la collina ruzzolò.

Quellla fifona bambina di Aurano.

 

arzlg37r


RENATO

 

C’era un bambino di nome Renato,

che voleva per forza un gelato.

La mamma lo mandò in gelateria

Ma… lo cacciarono via;

quel bambino viziato di nome Renato.

 

arzlg37r


BIRICCHINA

 

Una bambina molto biricchina,

se ne andò sulla collina.

Quando la mamma la chiamò

Lei se ne fregò.

Quella tremenda bambina biricchina.

 

arzlg37r


FILASTROCCA SULL’ALBERO

 

Albero amico di tutti

Dacci i tuoi frutti,

dicci le stagioni,

suggerisci le emozioni.

In inverno diventi bianco,

in autunno diventi stanco,

ma col caldo ti riprendi

e con i tuoi colori ci sorprendi.

C’è chi non ti rispetta,

per far fuoco nei camini

toglie appoggio agli uccellini.

 

arzlg37r


AURANO IN RIMA

 

Per me Aurano è molto prezioso

E, a quanto pare, anche meraviglioso!

Lo avvolge la natura

E tutti quanti vivono in goduria.

E’ molto soleggiato

E la gente si può stendere sopra il prato.

Gli animali sono amici e tutti sono felici.

Aurano è molto bello

e non lo lascerei nemmeno per un castello.

 

arzlg37r


IL MIO ANGELO CUSTODE

 

Prima che ti incontrassi non aveva senso la vita,

era solo una tragedia infinita,

ma poi ti ho incontrata

e per questo te ne sono grato.

Mi ricordo che eri bella

E altro e allo stesso tempo snella.

Fino ad oggi sei rimasta gioiosa

E tutto il tempo amorosa,

sei molto divertente

e nel creare sorprendente!

 

Tu rimani sempre nel mio cuore

Anche se te ne vai per tante ore.

Anche quando sei arrabbiata

Sei dolce come la cioccolata.

Sei molto abile con l’ago,

qualche volta mi sembri un mago,

tu sei la mia mamma che ho finito di descrivere

senza di te non potrei più vivere.

 

arzlg37r


IL PAPERO SFORTUNATO

 

Drin, drin, la sveglia del mattino

Papetotto si svrglia con un calzino.

Papetotto si vestì ed uscì felice

Ma ouch, inciampò sul piede di Alice.

Paperotto va in ospedale

Eo-eo, l’ambulanza ha fretta perché si è fatto tanto male.

In ospedale frosh, le mutande di Paperotto vanno a fuoco

E splash cade nel sugo bollente del fuoco.

Paperotto esce dall’ospedale, clop, clop, un acquazzone,

ma il papero avanti continua ad andare,

per Paperotto finisce la giornata

e si prepara per una lunga nottata.

Qua, qua.

 

arzlg37r


CARO GESU’

 

Caro Gesu’ Bambino

Che stai nascosto qui vicino

Il Natale sta arrivando

E tutti ti stanno aspettando.

Sei molto carino

Perché sei piccolino

Ora che sei nato

Tutti ti adoriamo.

Ora devo andare

Perché devo studiare.

Resta sempre accanto a me

O’ mio piccolo grande RE.

 

arzlg37r


CARO GESU’

 

Caro Gesu’ Bambino

Ti scrivo perché sei piccino

Riposi su un cuscino.

Quanto eri bellino, quando eri piccino

E riposi sopra un lettino.

La tua anima è pura

Ed il tuo Vangelo una bella lettura.

Sei stato inchiodato alla croce

Come se fossi stato un leone feroce.

 

arzlg37r


GESU’

 

Caro Gesu’

Dove sei tu?

Corri, corri non tardare

Noi verremmo ad adorare

Ad adorare te

Che di meglio non c’è.

La capanna è tua dimora,

ma conosco un posto migliore.

Orse piccolo, ma dolce

È il mio cuore

Pronto a tanto splendore.

 

arzlg37r


DOLCE PROFUMO

 

Aria di Natale…

Tutto intorno è una festa,

luci e suoni dalla finestra.

Gioia nei cuori di chi ti è vicino,

speranza che porta un bel bambino.

Un dolce profumo di dolci speziati

Ti porta a pensare a quei giorni incantati,

che narrano ai bimbi di come Gesu’

dal cielo si è fatto uomo quaggiu’.

 

arzlg37r

TOMMASO ALLA FINESTRA

C'era una volta il piccolo Tommaso, 

a cui non piaceva per niente il suo naso.

Incrociava gli occhi e se lo guardava,

poi diceva che così non andava.

Lo ripeteva alla mamma e al papà,

o a chiunque passava di lá.

“Scusi infermiera” domandava dalla sua stanza,

“Per il mio naso c'è qualche speranza?”

Perché lui, nel più inaspettato momento,  

doveva fare qualche intervento.

E comunque a suo parere

un naso così non si poteva vedere.

Diceva lei “Piccolo mio, 

lo sai tu, lo so io, 

che il problema non è il tuo naso”      

e la guardava triste Tommaso.

“Si tratta del tuo cuore,

e anche se non ti fa dolore,

c'è sopra un puntolino,

che ti rende il viso pallidino”

Ma Tommaso non si crucciava,

solo del naso si preoccupava.

Nell'ospedale aveva un amico,

il cieco Ludovico.

Ma Tommaso non lo sapeva,

che Ludovico non ci vedeva.

Gli chiedeva ogni mattina:

“Sta passando la postina?”

Perché per uno strano caso,

era vicino alla finestra,  

la parte opposta di Tommaso.

E lui rispondeva tutto contento:

“Oggi non tira una bava di vento”

Così ridevano i due amici,

tutti e due malati, tutti e due felici. 

Un giorno il povero cieco fu trasferito

e dovette salutare presto l'amico.

In quell'aria mesta 

Tommaso andò alla finestra,

ma c'era solo un muro di gesso bianco,

 e a vederlo si stupì tanto.

“Che le cose che ha detto a me

fossero tutte un'invenzione?”

Poi ragionò sulla situazione,

e gli si accese sul viso 

un brillante sorriso

Per quel suo amico,

di nome Ludovico

che da cieco guardava alla finestra

e ogni giorno ci vedeva una festa.

 

arzlg37r 

VERDE SPERANZA

C'era una volta il verde speranza

e stava rinchiuso nella mia stanza.

Mentre sognavo d'esser altrove e

il desiderio lentamente sfumava,

il  verde piano piano ogni

giorno se ne andava.

Immaginate che dopo poco

quel posto praticamente fu... Vuoto!

Non più verde un solo cuscino,

tutto bianco il comodino,

ogni alberello dipinto sul muro

diventò una lastra di ghiaccio duro.

Con tutto quel bianco vi faccio notare

che io ci ho fatto la spuma del mare.

E siccome il bianco assorbe tutti i colori,

e che ora è uscito dalla mia stanza,

dentro l'arcobaleno ci ride e ci danza.

 

arzlg37r

LA FELICITA’

Felicità è dare un bacio al proprio figlio,

Felicità è l’abbraccio di una mamma.

Felicità si può provare in tutti i momenti e in tutte le età

Felicità è amare,sognare,

volare con la fantasia!

La felicità è un momento unico!

Il segreto della felicità è la libertà,

però se pensi a quei bimbi,

là dove la fame ela guerra

male gli fa,

per loro compreresti un po’ di felicità!