Percorso

Lo Sbarco dei Sogni

Maria Nunzia Borrelli

Scritto da Super User. Postato in Letteratura

Maria Nunzia Borrelli:

La poesia del cuore che apre le porte al mondo 

 

MariaNunziaBorrelliL’attività poetica di Maria Nunzia Panico nasce per caso tre anni fa quando ha iniziato a prendere conoscenza con ‘facebook’. Galeotta, poi, fu una lettera di augurio per il compleanno delle sue bimbe ... che piacque tantissimo in famiglia e ad amici poeti. 

Allora tutti la incitarono a scrivere poesie. 

Consiglio subito accolto al punto da cominciare a scrivere anche di notte, alla stregua di un vulcano in continua eruzione … evenienza immortalata nei versi dal titolo: “Nu vulcano d'eruzione".  “Mi sentivo il fuoco dentro ... e più  postavo i miei scritti, più ricevevo richieste di amicizia da artisti di tutte le categorie.  Artisti non noti .. ma noti al mio cuore”, ci tiene a precisare.

LO SBARCO DEI SOGNI

Rubrica di

LETTERATURA, MUSICA, ARTE , CULTURA, SPETTACOLO

a cura di Mauro ROMANO

 

Maria Nunzia Borrelli:

La poesia del cuore che apre le porte al mondo 

 

MariaNunziaBorrelliL’attività poetica di Maria Nunzia Panico nasce per caso tre anni fa quando ha iniziato a prendere conoscenza con ‘facebook’. Galeotta, poi, fu una lettera di augurio per il compleanno delle sue bimbe ... che piacque tantissimo in famiglia e ad amici poeti. Allora tutti la incitarono a scrivere poesie. Consiglio subito accolto al punto da cominciare a scrivere anche di notte, alla stregua di un vulcano in continua eruzione … evenienza immortalata nei versi dal titolo:Nu vulcano d'eruzione".  “Mi sentivo il fuoco dentro ... e più  postavo i miei scritti, più ricevevo richieste di amicizia da artisti di tutte le categorie.  Artisti non noti .. ma noti al mio cuore”, ci tiene a precisare".

LoSfogo Poeticoabbinato a quello musicale della Panico, ha avuto fonte dalla mamma, la signora Anna “sartulella 'e paese” amante della canzone classica napoletana e dal  nonno Umberto che non c’è più! Quest’ultimo era un artista dal pennello facile,  imbianchino e pittore sopraffino di Cupole di Chiese, amante della Lirica che le raccontava storie e poi gliele cantava. Ed anche altri in famiglia come zia Gioconda … che hanno inculcato in lei il concetto della poesia e l’amore per l’arte in genere, come se a guidarla in ogni suo verso fossero loro, da lassù!

Maria Nunzia ha scritto tanto che le poesie frutto del suo ingegno non le conta più! Quasi tutte in vernacolo napoletano, di quello classico, che si parlava ( … e forse se ne parla ancora) nelle famiglie più radicate nella tradizione napoletana e per strada, senza il bisogno di sentirsi inferiore. Anzi!!! Tramandare il suo pensiero, le sue emozioni, le sue tribolazioni, i suoi versi … per Maria Nunzia è motivo di orgoglio.

E vorrebbe che la sua già vasta platea – principalmente quella di face book, che commenta tanto … -  si allargasse verso orizzonti più eterogenei e, perché no, di altra estrazione, per consentire un confronto schietto e sincero tra la sua poesia ed altre forme di espressioni artistiche. Chi l’avrebbe mai detto che io, bambina svogliata a scuola, a cinquant’anni mi sarei trovata a scrivere poesie con semplicità … per saziarmi dei versi che compongo tutti i giorni … nemmeno dovessi creare un’enciclopedia!”.  Sono parole sue che indicano la passione ed il trasporto che la nostra autrice nutre per questa forma letteraria proverbialmente alla portata di tutti, ma che non sempre raggiunge il desiderato  gradimento.

La Panico è stata premiata al concorso letterario  "Cerco...la parola" , poi alCitta' di Parete con il premio "Simpatia". Al concorso letterarioIl Sorriso della poesiatenutosi a Gragnano,  ha ricevuto la "menzione speciale su segnalazione". Al "Cerco... la parola" è giunta terza. Di altri concorsi a cui ha partecipato recentemente, Maria Nunzia attende ancora i risultati.

 

MauroRomano

 

IL GIUDIZIO CRITICO

di Mauro Romano (*)

 

 

 

 

 

La poesia di Maria Nunzia Panico Borrelli è da interpretarsi nella familiarità dei suoi versi e delle situazioni affrontate, sempre col cuore in mano. Non entriamo nel merito della correttezza dello scrivere lalingua napoletana’ perché non ne siamo all’altezza. Preferiamo sapere che sia il parlare di tutti i giorni a prevalere, rendendo il verso ancorché più personale.

Il suo carattere di ‘giocherellona’ le consente di porsi dinanzi al mondo che la circonda in modo sempre spensierata e disponibile ad ogni qualsiasi forma di amichevole scambievolezza, magari non pretendendo da tutti la sua stessa allegria e goliardia – Non mi prendo mai sul serio! – ma comunque dotati di uno spirito gioviale e senza falsità, per lenire le brutture della vita e del mondo che ci circonda. Una sua ‘massima’: Beh non si è mai arrivati ... ricorda ... che la vita è un percorso leggero se si cammina a piccoli passi ... correre non porta a niente!”.

E l’animo sensibile acchiappa e conserva come in una ‘caiola’ ogni situazione che non sfugge alla sua nobiltà d’animo. E in questi tempi di crisi di valori, di sentimenti … con gente sempre alla ricerca di falsi idoli … non è certo facile estraniarsi nella poesia senza perdere il filo della realtà, a tratti scabrosa per le sue mille sfaccettature  negative. Ed è così che Maria Nunzia si rifugia volentieri nei valori della famiglia: “E' ‘na vera comunita' 'e pircio' s'adda' sape' sta'!”, nel senso che ognuno deve fare la propria parte.  La nostalgia per la Napoli di una volta: “Ca t'è pigliave 'e core turisti ca tè venivano 'a visita'... 'e nun vulevano cchiu' parti'” … esortando che possa  “.. riturna' 'a chilli tiempi lla' ... quanno nc'è steve 'a genta bbona ... ca tè amavano cu passione!”

Oppure il dolore per le calamità naturali per le qualiNuje disgraziati umani ... sapimme sulo ca nc'è sta dulore, morte, distruzioni...  rammaricandosi altresì per la sofferenza e la disperazione provocata dalla gente po' facimme cose ca nun s'avessena ffa ... se mettene bombe… facendo autocritica chi simme nuje pè  elimina' na' vita.... nella speranza che anche i malintenzionati facessero il ‘mea culpa’. Diventa intimistica, poi, come per esempio nella dedica a Mimmo Corrado, scomparso in giovane età:  … te ne si ghiuto senza na ragione... sulo pecche' vuluto 'a chillo Ddio ca tu... tanto tenive devozione!”.   e nostalgica: 'O compleanno è n'evento ca tè piglia tutto ll'anno ... vene passa 'e se ne va'... tè lassa 'a vocca doce si ... ma pò t'accuorge ca passano ll'anne ...”.  

La poesia di Maria Nunzia, poiché molto prolifica, prorompente, di una fertilità persistente … non sempre evita il rischio di incorrere in una certa farraginosità. Eludesse qualche superflua lungaggine, dovuta ad un eccesso di ‘spiegazioni’ - a volte farebbe bene a lasciar intuire al lettore sfumature del proprio pensiero - avrebbe una poesia meno ‘appesantita’ e più fluida nella musicalità del verso. Ma siccome questo tipo di scrittura riflette il carattere dell’autrice, le proprie esperienze di vita, la propria cultura, le proprie frenesie, il ‘furore poetico’ che s’impadronisce ogni volta del suo cuore e dei suoi pensieri … crediamo sia giusto lasciar fare finché non sia lei stessa a maturare certe convinzioni. 

 

Le Poesie di Maria Nunzia Borrelli

 

Dint'è ricordi mieje

 

Dint'è ricordi mieje

nc'è sta nu sole

ca splende cchiu' 

do' giallo culor oro...

è bello a guardarlo

stu pallone, ca coce

'e scarfe 'o mare

'e pure 'o core!

Ero na piccerella

cu tanti suonni

chiusi dint'ò cassetto

e penzavo:"chissa' 'a vita

che me' riserva!"

M'à riservato cu te...

tutto ll'ammore...

ca nun c'è sta

pè tutt'ò  munno sano!

 

L'alba dei miei ricordi

 

L'alba dei miei ricordi
mi riporta in tempi lontani...
lontani in un mondo di bimba,
ove corrono prati in fiori...
ed in cielo volano allegre
tante rondini dall'abito nero,
eleganti... che fan piroette 
tufandosi in dolci picchiate.
E quel viso di bimba felice
guarda intorno quel mondo 
che passa...
non si rende conto del tempo...
lei saltella nella gaia campagna!
Oh tornassero quei tempi di ieri!
che darei per vederli tornare...
ma il passato resta passato...
è il presente, l'oscuro... che impervia!

 

Sti  parate nun portano ‘a niente …

 

Nun e facimme chesti parate
stamme gia' tutt'abbufate
'e tanta guaje e terremoti...
addo' sta genio e fistiggia'!
Nc'è stanno muorti, feriti 
'e affamati...senza centesimo
dint'à e sacche...
songo miliardi ca se ne vanno
cu sti pazzielle ca cca se fanno
e nun se penza e puvurielli
ca nun arrivano a ffine e mese!
Sti sorde ca se sperpereano
cercate dè spennere
cu intelligenza senza jttarle
pè cose frivole...comm' 'e
parate dè militari...
chelle nun 'mportano cchiu' a njsciuno
pecche' cca stamme tutte riune!
Vulimme essere sunvenziunati
cu 'o lavoro e cu 'o rispetto
no comme ggente ro' terzo munno
(ca nuje rispettamme...certo cchiu' 'e vuje!)
Chisto guverno nc'è sta accedenne
nun se ne fotte proprio e nisciuno...
sulo pè isso nc'è stannno 'e sorde...
basta ca mette tutto 'nzaccoccia...
e tutt'è niente...pè chi nun fa niente!

riferita alla festa della repubblica del 2 giugno

Fermammace  'a Guardà …

 

'E tiempe gia' so critici

strignimmece nu poco

dint'à sti chiare 'e lune...

Cchiu' stritte nuje sentimme

'o calore 'e chi nc'è vo'

cchiu' bene!

Estate, 'verne, autunno

e primmavere...

venene tutti ll'anni....

ma nuje nun c'è n'accurgimme

pecche' se va sempe 'e presse...

'e nun c'è sta 'o tiempo 

e osserva' 'a natura ca cresce!!!

Ma chesto che vene 'a dicere...

è nu turmiento 'a nascere...

si po' nun c'è sta tiempo

'e vede' 'e bellizze ca stanno

ncopp'o munno...

se va sempe currenno...

ma p'arriva' 'addo'!!... si po' 

nun c'è sta felicita'!

Calmammece 'e guardamme

'e crescere sti meraviglie,

ca crescene comm'è figli...

'e s'anna ama' cu forza

'e s'anna rispetta'! 

 

 

(*) MauroRomanoCVMauro Romano è nato il 20 marzo 1953 a Nola/Piazzolla  - Na - dove vive ed opera; Laureato in Materie Letterarie presso l’Università degli Studi di Salerno con tesi in Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea “Alicata e il Neorealismo

Ha pubblicato: L’Amore preso sul serio” (Albatros Editrice – Roma 1982); “Scartine” (Edizione n proprio - 1983); “Lo sbarco dei sogni” (Editrice Vesuvio – Napoli 1985);  “Canzoni” (Gabrieli Editore – Roma 2000). Sue composizioni sono inserite in numerose Antologie e pubblicate su Riviste  Letterarie. Altri Inediti – in versi ed in prosa – sono di prossima pubblicazione. 

Membro  - di Merito e d’Onore –  di  diverse  Accademie Nazionali ed Internazionali - ha ottenuto premi  in numerosi Concorsi Letterari con poesie singole, racconti, sillogi  e libri editi, sia in lingua Italiana che in Vernacolo Napoletano. Tra l’altro è Cavaliere della Comunità Poetica Europea e Socio Benemerito dell’Accademia dei Bronzi di Catanzaro; 

Frequentemente è  inserito in giurie di concorsi letterari e di rassegne teatrali, assumendo spesso le funzioni di critico con apprezzatissime recensioni; 

E’ iscritto alla SIAE quale Autore/Paroliere della parte letteraria delle Canzoni;

Collabora con diversi Organi di Stampa trattando argomenti a carattere Sociale, Letterario, Artistico/Culturale, Sportivo - addetto stampa Pallavolo – etc.;

E’ allenatore di Calcio iscritto dal 1979 nei ranghi della Federazione Italiana Gioco calcio;

Sposato con Anna, è genitore di Mena e Gilda.