Percorso

Rubriche

Nepenthes hookeriana

Scritto da Super User. Postato in Piante carnivore

Nepenthes hookeriana

 


pianta carnivoraIn questa pagina parleremo di :

    Generalità

    Coltivazione

    Nepenthes hookeriana : Specie

     

    Generalità

    Il genere Nepenthes comprende moltissimie specie diverse, diffuse per la maggior parte in un area che va dal Madagascar, alla Cina sino all'Indonesia, Malaysia e Borneo.

    Sono piante tropicali, abituate ad un certo tipo di clima, particolarmente umido e caldo, anche se esistono diverse eccezioni. La Nepenthes è una pianta semi rampicante, dotata di foglie grandi e solitamente lanceolate. Una pianta adulta, soprattutto nel proprio ambiente naturale, può attingere dimensioni davvero ragguardevoli che sfiorano i venti metri! La pianta nella prima fase del proprio sviluppo tende a crescere a "rosetta", mentre nella fase adulta Nepenthes inizia la sua crescita a "liana". Le trappole, dette "ascidi", sono poste alle estremità delle foglie, ed hanno una forma molto somigliante ad un bicchiere o una brocca. Alcune specie di Nepenthes, come la Rajah, possono addirittura sviluppare ascidi con una capacità superiore ai due litri..

    Gli ascidi delle Nepenthes vengono suddivisi in tre parti ben distinte. La parte superiore, il bordo della trappola, è detto peristoma, ed è la parte predisposta ad attrarre le prede.

    La parte interna superiore degli ascidi è spesso, in molte specie, la zona più estesa della trappola. Questa parete è formata da diverse piccolissime squame, che rendono impraticabile la scalata verso l'esterno per le prede, che non faranno altro che scivolare e cadere all'interno dell'otre, dove si trova il liquido digestivo.

    La parte inferiore invece presenta una parete interna ricoperta da piccole ghiandole che secernono un liquido digestivo, molto somigliante a quello dello stomaco, col quale la pianta potra liquefare le vittime. Le stesse ghiandole hanno poi la funzione anche di riassorbire le prede sciolte e digerite. Per impedire che tale liquido possa essere diluito dalle piogge, gli "ascidi" sono dotati di un copechietto detto "opercolo", che ha la funzione di impedire l'ingresso dell'acqua ma non delle prede.


    Coltivazione

    Tratteremo solo la coltivazione riguardante gli ibridi più diffusi, dato che la coltivazione di altre specie, come ad esempio le Higland, richiede cure particolari e molto precise.

    Le Nepenthes possiedono un apparato radicale estremamente ridotto, quindi non è necessario un vaso di grandi dimensioni, nemmeno quando la pianta cresce molto. Il substrato dovrà essere composto da torba di sfagno e perlite in parti uguali, o eventualmente è possibile alleggerire il tutto con una parte di vermiculite. Estremamente indicato come substrato è l'utilizzo assieme alla torba di una particolare corteccia vegetale, utilizzata nella coltivazione delle orchidee, detta "Bark".

    Nepenthes deve essere esposta al sole diretto durante la stagione calda dell'anno, evitando esposizioni eccessive durante i periodi più torridi. E' necessario, se non addiritura fondamentale, vaporizzare molto di frequente la pianta per aumentare l'umidità e facilitarne cosi la crescità. Molto importante è anche abbondare con l'acqua, esclusivamente demineralizzata o piovana, che è necessario somministrato ogni giorno. Queste piante si trovano inoltre a proprio agio tenute e coltivate in serrette semplici, come quelle che si trovano nei negozi di giardinaggio. In questo caso però è necessario controllare che la temperatura della serra non raggiunga temperature eccessivamente elevate che possano portare la pianta alla morte.

    All'arrivo dell'inverno riporre la Nepenthes all'interno, perché essnedo tropicale perirebbe alle rigide temperature delle nostre zone.Durante tale periodo esporre la pianta ad una buona fonte di luce, come ad esempio una finestra, e continuare con le vaporizzazioni di frequente. Per evitare il rischio di marciume alle radici, sarà necessario ridurre le dosi di acqua, controllando esclusivamente che il substrato sia umido.

    Seguendo questi pochi consigli, si potrà avere un ottimo esemplare di Nepenthes, in grado di stupire ed incuriosire parenti e amici.

    Nepenthes hookeriana : Specie

    Le specie di questo genere sono circa ottanta, anche se molte non sono state ancora classificate.

    Queste piante possono essere suddivise principalmente in due categorie: le lowland e le highland.

    Le lowland sono specie che crescono a bassa quota, abituate a temperature calde e molto umide, sia di notte che di giorno. Essendo piante tropicali, necessitano di questo determinato clima anche durante l'inverno.

    Le highland, invece, sono Nepenthes di alta quota o di montagna. Necessitano di climi estremamente complessi da riprodurre artificialmente. Crescono infatti ad alta quota, sulle cime dei monti in Asia, come ad Esempio sul monte Kinabalu, una riserva naturale splendida e ricca di specie rare. Tali piante necessitano di climi non troppo caldi durante la giornata, mentre di notte esigono un forte sbalzo termico, il tutto però con un alta concentrazione di umidità.

    Le piante, che solitamente possiamo trovare nei negozi o nei garden, sono ibridi molto robusti di specie Lowland , ovvero di bassa quota. L'ibrido più comune è Nepenthes ventrata, dato dall'ibridazione di N. ventricosa e N. alata.

    Questa particolare pianta è molto bella e resistente, anche se molto lontana dall'avere i colori e le forme delle cugine Highland di alta montagna. Un altro ibrido diffuso è N. maxima x Mixta, anche se risulta essere più lento e impegnativo, possiede ascidi estremamente colorati e grandi.



    fonte: http://www.giardinaggio.it/carnivore/nepenthes/nepenthes.asp

     

    {jcomments on}