Percorso

Rubriche

Qual è il percorso per l'adozione nazionale?

Scritto da Super User. Postato in L'Adozione

AdozioneNazionalePresentare una domanda per un'adozione nazionale significa, in realtà, dare la propria disponibilità ad avere in adozione un minore in stato di adottabilità presente sul territorio italiano.

Il Tribunale dei minorenni presso cui si presenta domanda non emette quindi alcun parere positivo o negativo ma si limita a valutare le caratteristiche della coppia disponibile per un eventuale abbinamento con un minore.

 

L’iter è il seguente:

 

La coppia deve presentare domanda presso un Tribunale dei minorenni. Successivamente il Tribunale chiede ai servizi sociali della Unità sanitaria competente per territorio di stendere una relazione sulla coppia richiedente. Cominciano così i colloqui con l’assistente sociale ed una psicologa della ASL. Il numero degli incontri può cambiare a seconda degli operatori coinvolti.

 

Qual è il percorso per l'adozione nazionale?

AdozioneNazionalePresentare una domanda per un'adozione nazionale significa, in realtà, dare la propria disponibilità ad avere in adozione un minore in stato di adottabilità presente sul territorio italiano.

Il Tribunale dei minorenni presso cui si presenta domanda non emette quindi alcun parere positivo o negativo ma si limita a valutare le caratteristiche della coppia disponibile per un eventuale abbinamento con un minore.

L’iter è il seguente:

La coppia deve presentare domanda presso un Tribunale dei minorenni. Successivamente il Tribunale chiede ai servizi sociali della Unità sanitaria competente per territorio di stendere una relazione sulla coppia richiedente. Cominciano così i colloqui con l’assistente sociale ed una psicologa della ASL. Il numero degli incontri può cambiare a seconda degli operatori coinvolti.

Alla fine degli incontri la ASL stende una relazione che trasmetterà al Tribunale dei minorenni. La relazione può essere sia negativa che positiva ma questo non determina né la sicura adozione che il sicuro diniego. Infatti la relazione è la base che il Tribunale utilizza per le proprie valutazioni e molto spesso i giudici onorari del Tribunale chiamano una o più volte la coppia per verificarne le capacità genitoriali. Purtroppo, non essendoci un decreto finale del Tribunale, la coppia vive nell’assoluta impossibilità di sapere se la domanda è di interesse del Tribunale o meno. Molte coppie che hanno vissuto l’adozione nazionale potranno raccontare come la situazione si sblocca all’improvviso, con colloqui presso il Tribunale in rapida successione fino all’abbinamento con un minore. Ma se il Tribunale non chiama, non c’è nulla che possiate fare se non attendere. La domanda ha valore di tre anni dalla data di presentazione. La coppia deve dunque sapere che se entro tale periodo non è stata convocata, la domanda non è più tenuta in considerazione ed occorre ripetere l’intera procedura.

La domanda può essere presentata contestualmente in più Tribunali, purché se ne dia notizia sulla domanda stessa.

Si consiglia di presentare contestualmente alla domanda per l’adozione nazionale anche la domanda per l’adozione internazionale. Infatti le procedure per l’adozione internazionale prevedono un decreto di idoneità finale e questo consente alla coppia di conoscere quanto meno l’esito di tutta la pratica.