Percorso

Rubriche

Alimentazione infanzia: L'asilo nido

Scritto da Super User. Postato in Dieta, nutrizione, dietetica



Per i genitori e gli educatori nutrire il bambino è un’esperienza quotidiana, ci vogliono pazienza e costanza per fare accettare alimenti nuovi. E’ importante creare una continuità tra l’ambiente familiare e l’asilo nido in un clima di fattiva collaborazione. Sia a casa che a scuola bisogna proporre gli stessi alimenti, quindi il modello alimentare deve essere omogeneo per indirizzare il bambino verso abitudini alimentari corrette.

Quando il bambino consuma un alimento in un contesto sociale favorevole, come l’asilo nido, dove non viene tenuto sotto controllo, nutrirsi diventa per lui un vero piacere ed è disposto a fare nuove esperienza gustative. Il contesto sociale è quindi uno dei fattori determinanti nell’accettazione dell’alimento.

Per superare eventuali rifiuti, lo stesso alimento va proposto più volte sia a casa che a scuola, presentandolo con modalità diverse in modo da stuzzicare la curiosità del bambino. Il momento del pasto al nido costituisce per il bambino un occasione privilegiata per scoprire gli alimenti e sperimentare nuovi gusti, con la guida dell’educatrice che lo aiuta nel processo di graduale acquisizione dell’autonomia.

Mangiare è anche imparare a stare insieme in un sistema di regole condivise, che consente di accogliere meglio nuove esperienze gustative e superare diffidenze verso cibi nuovi. Conoscere gli alimenti significa per il bambino fare conoscenza con l’aspetto visivo, gustativo e tattile del cibo. All’asilo nido il bambino amplia il proprio mondo gustativo e fa nuove esperienze sensoriali.
I bambini superano eventuali diffidenze e accolgono meglio nuove proposte alimentari.

Perché i bambini mangiano al nido più volentieri?

  • Contesto sociale
    I bambini mangiano insieme ai coetanei in un ambiente sereno e accogliente che migliora la predisposizione verso nuovi alimenti.
  • Porzioni adeguate
    Le porzioni sono a misura di bambino, adeguate nella porzionatura e consistenza in relazione all’età.
  • Introduzione graduale di cibi nuovi
    Gli alimenti nuovi vengono introdotti gradualmente senza forzare il bambino.
  • Frequenza dei pasti regolare e rispetto delle regole
    Il bambino apprende un ritmo regolare nel consumo dello spuntino mattutino, pranzo e merenda pomeridiana e il rispetto delle principali regole: la corretta postura a tavola, l’igiene relativa alla pulizia delle mani e dei denti.
  • Preparazioni semplici e appetibili
    Il bambino apprezza cibi semplici e gusti naturali.

Al nido i piatti proposti sono poco elaborati, con ricette semplici ma gustose che attirano la curiosità del bambino. Le tecniche di cottura utilizzate sono al vapore, al forno, al cartoccio.

Impegno e collaborazione sono necessari da parte di genitori e educatori per favorire l’accettazione degli alimenti, che vanno offerti in un clima sereno senza forzature. L’offerta ripetuta di un alimento in un contesto sociale favorevole, con la guida costante di genitori ed educatori favorisce l’accettazione dell’alimento e l’instaurarsi di un rapporto equilibrato con il cibo.


da: http://www.benessere.com/dietetica/arg00/asilo_nido.htm