Percorso

Rubriche

continua ... L’alimentazione in età prescolare

Scritto da Super User. Postato in Dieta, nutrizione, dietetica

A cura della dott.ssa Teresa Canali

La giornata alimentare del bambino

La giornata alimentare del bambino va ripartita in 4 o 5 pasti, partendo dalla prima colazione che deve essere sempre presente, i due pasti principali, pranzo e cena intervallati da uno o due spuntini. La ripartizione del fabbisogno energetico giornaliero va suddivisa secondo le seguenti percentuali:

  • la prima colazione deve fornire il 15-20% dell’apporto calorico giornaliero;
  • lo spuntino di metà mattino il 5% dell’apporto calorico giornaliero;
  • il pranzo deve coprire il 40% dell’apporto calorico giornaliero;
  • la merenda il 10% dell’apporto calorico giornaliero;
  • la cena il 30% dell’apporto calorico giornaliero.

La prima colazione

La colazione è il primo pasto della giornata del bambino, necessario dopo il digiuno notturno, deve essere nutriente ed equilibrata. Sarebbe auspicabile che tutta la famiglia si riunisse a tavola, consumando la prima colazione con calma in modo da dare l’esempio al bambino. Dopo l’anno di vita i bambini possono assumere latte vaccino fresco con qualche biscotto o fette biscottate o pane. Per la fascia di età 12-36 mesi sono disponibili i “latti di crescita”, formulati per questa fascia di età, caratterizzati dall’integrazione di alcuni sali minerali quali ferro e calcio e acidi grassi essenziali importanti per la crescita.

Lo spuntino mattutino e la merenda pomeridiana

Lo spuntino di metà mattino non deve superare il 5% del fabbisogno energetico giornaliero. E’ il momento della giornata più adatto a offrire frutta fresca a pezzetti. Sono da evitare merendine, snacks dolci o salati in quanto ricchi di zuccheri semplici e grassi, che comprometterebbero l’appetito del pranzo. La merenda pomeridiana sarà composta da latte con cereali o frullato di latte e frutta o yogurt.

Il pranzo e la cena

Il pranzo e la cena costituiscono rispettivamente il 40 e il 30% dell’apporto calorico giornaliero. Nel menù il primo piatto sarà previsto tutti i giorni a pranzo e a cena alternando piatti asciutti con piatti in brodo o passati di verdure. Il formato della pastina sarà sempre più simile a quello dell’adulto. In questo periodo si comincerà la separazione delle portate, distinguendo il primo dal secondo piatto e affiancando alla carne o al pesce le verdure. E’ possibile introdurre con gradualità i piatti unici tipo gnocchetti di semolino o gnocchetti di patate al ragù o le lasagne.

Il piatto unico è una portata “strategica” che fornisce il giusto apporto di nutrienti in proporzioni corrette. Essendo un piatto completo ed equilibrato e quindi esaustivo della quota prevista per il pasto, va accompagnato solo da un contorno di verdura di stagione e frutta fresca a completamento del pasto.

L’assunzione dei diversi alimenti nel menù settimanale potrà essere effettuata con questa frequenza:

ALIMENTO FREQUENZA
Carne 4 volte
Pesce 2-3 volte
Legumi 2-3 volte
Uovo 2 volte
Formaggio 3 volte
Prosciutto cotto o Crudo magro 1 volta
Piatto unico 1-2 volte
Le verdure vanno proposte ogni giorno sia a pranzo che a cena, inizialmente passate, successivamente inserite cotte o crude in forma solida.
La frutta fresca di stagione va offerta giornalmente dopo i pasti principali o come spuntino.

Condimenti: utilizzare preferibilmente olio extra vergine di oliva, sia a crudo che per la cottura. Sono da evitare soffritti e fritture. Sale: Dopo l’anno di vita si può incominciare ad usare il sale con moderazione, preferibilmente iodato.

Schema dietetico giornaliero tipo per un bambino di 1 - 2 anni

Colazione

  • Latte di crescita o latte vaccino fresco 250 ml con zucchero g 10;
  • Biscotti 20 g o pane 30 g.

Spuntino del mattino

  • Frutta fresca di stagione 100 g.

Pranzo

  • Pastina al pomodoro 40
  • Olio extra vergine di oliva 10 g;
  • Parmigiano 5 g;
  • Carne al vapore 40 g (manzo, vitello, pollo, tacchino, coniglio, cavallo) o pesce al vapore (trota, merluzzo, sogliola, dentice) 50/ 60 g;
  • Purea di verdura di stagione 70 g.

Merendina pomeridiana

  • Yogurt alla frutta 125 g.

Cena

  • Brodo vegetale 200 g con verdure passate 50 g e cereali (semolino o riso o orzo o farro) 30 g;
  • Olio extra vergine di oliva 10 g;
  • Parmigiano 5 g;
  • Formaggio fresco 35 g (ricotta, robiola, mozzarella, crescenza) (3 volte/sett.) o prosciutto crudo o cotto sgrassato 20 g (1 volta/sett.); o 1 uovo (2 volte/sett) o legumi freschi 40 g o secchi 20 g (fagioli, piselli, lenticchie, ceci);
  • Macedonia di verdura di stagione 70 g.

Schema dietetico giornaliero tipo per un bambino di 2- 3 anni

Colazione

  • Latte di crescita o latte vaccino fresco o latte 250 ml con zucchero 10 g;
  • Biscotti 25 g o pane 35 g.

Spuntino del mattino

  • Frutta fresca di stagione 100 g.

Pranzo

  • Pastina al pomodoro 50 g;
  • Olio extra vergine di oliva 15 g;
  • Parmigiano 5 g;
  • Carne al vapore 50 g (manzo, vitello, pollo, coniglio, tacchino, cavallo) o pesce al vapore (trota, merluzzo, sogliola, dentice) 60/70 g;
  • Verdura di stagione 100 g;
  • Pane 30 g.

Merenda pomeridiana

  • Yogurt alla frutta 125 g.

Cena

  • Passato di verdure con cereali (riso o orzo o farro) 30 g;
  • Olio extra vergine di oliva 15 g;
  • Parmigiano 5 g;
  • Formaggio 35 g (ricotta, robiola, mozzarella, crescenza) (3 volte/sett.) o prosciutto crudo o cotto sgrassato 20 g (1 volta/sett.) o 1 uovo (2 volte/sett) o legumi freschi 40 g o secchi 20 g (fagioli, piselli, lenticchie, ceci);
  • Verdura di stagione 100 g;
  • Pane 30 g.

 


da: http://www.benessere.com/dietetica/arg00/eta_prescolare.htm